Target:
Governo, Istituzioni Sanita’, Istituzioni Ricerca, Associaz. lotta Contro il Cancro, Heuer@cern.ch
Region:
Italy

Ricerca sul Cancro: Cure e Tecnologie, basate su solide basi scientifiche, attendono da anni di essere prese in considerazione e finanziate. Non vogliamo più che avvengano sprechi di denaro a danno dei pazienti com’è accaduto al CERN a febbr 2010.

Negli ultimi 50 anni non si sono registrati risultati significativi nella riduzione della mortalita’ prematura da cancro, nonostante gli ingenti costi sostenuti: 741 miliardi di dollari all’anno nei 38 paesi piu’ industrializzati del mondo di cui l’ Italia fa parte, equivalenti ad un costo che incide nelle tasche di ognuno di noi per 500 euro all’anno.

Cure e Tecnologie basate su solide argomentazioni scientifiche che hanno grande potenziale di ridurre la mortalità prematura da cancro, attendono, da molti anni, di essere prese in considerazione e finanziate.
Vorremmo poter essere certi che chi gestisce la ricerca adotti procedure scientifiche per scegliere i progetti che offrono maggiori potenzialita’ per la riduzione della mortalità prematura da cancro, invece risulta che il CERN, che dovrebbe garantire la massima serietà e rigore scientifico a tutela della nostra salute, recentemente, in occasione del Workshop sulla “Fisica per la Salute” per la ricerca sul cancro, il 3 febbraio 2010, abbia premiato il progetto Axial-PET che non e’ un progetto sul cancro, come ha dichiarato il giorno prima dell’assegnazione del premio lo stesso responsabile del progetto vincitore. (Vedi il video a: http://www.youtube.com/watch?v=h1AUpfN7cFU).

Da un semplice calcolo geometrico comprensibile a tutti risulta che l’efficienza del progetto Axial-PET e’ notevolmente inferiore rispetto alla gia’ scarsa efficienza delle apparecchiature PET attualmente in uso essendo ridotta fino all’8,7%, a fronte di un notevole aumento dei costi, nonche’ della necessita’ di somministrare maggiori dosi radioattive al paziente. Il peggioramento in efficienza dell’Axial-PET rispetto alla PET attuale lo rende ancor meno adatto alla diagnosi precoce. Ha ragione quindi il responsabile del progetto vincitore ad affermare che il suo non e’ un progetto per la ricerca sul cancro.

Avendo pero’ ricevuto il primo premio presso il CERN, da tutti riconosciuto come l’istituto piu’ prestigioso nella fisica delle particelle, l’associazione Madame Curie ed altri donatori l’hanno considerato come il progetto migliore per la ricerca sul cancro e gli hanno assegnato i fondi, sottraendoli ad altri progetti che invece hanno molte piu’ potenzialita’ di ridurre la mortalità prematura da cancro, per esempio il progetto 3D-CBS, che ha un’efficienza del 40.000% rispetto alla PET attuale ed e’ percio’ in grado di permettere la diagnosi precoce riducendo la dose radioattiva somministrata al paziente. (Il 3D-CBS, oltre che alla diagnosi precoce su pazienti asintomatici, e’ di estrema utilita’ per il malato di cancro che ha la necessità di essere monitorato, con grande precisione, per rilevare tempestivamente il minimo risveglio del metabolismo anomalo e per ottimizzare la cura, con la minor dose possibile di radiazione).

La ragione per cui il costo del cancro continua ad aumentare senza risultati significativi nella riduzione della mortalita’ e’ dovuta soprattutto al fatto che i centri di ricerca piu’ prestigiosi, come il CERN, non adottano procedure scientifiche nell’identificare e premiare i progetti che offrono maggiori potenzialità di fornire risultati in termini di riduzione della mortalita’ da cancro.


Sottoscrivo la presente petizione per i seguenti motivi:

1. Richiedere un cambiamento paradigmatico nell’assegnazione dei fondi della ricerca sul cancro, che permetta di poter verificare con trasparenza il supporto scientifico dei progetti premiati.

2. Richiedere che sia implementata ed utilizzata la tabella comparativa dei progetti di ricerca sul cancro che rimanda innanzitutto all’onesta’ del ricercatore (vedi la presentazione della tabella al sito web: www.crosettofoundation.org/391.it.pdf, e i dati della tabella al sito web: www.crosettofoundation.org/table.php?lang=it), con l’aspettativa che il CERN garantisca che vengano seguite corrette procedure scientifiche, in grado di identificare e supportare con argomentazioni scientifiche le migliori innovazioni finalizzate a beneficiare il malato di cancro.

3. Richiedere, nel caso specifico, che gli esperti del CERN e di altri centri di ricerca in fisica delle particelle, nonche’ altri esperti nelle diverse competenze che concorrono al raggiungimento alla riduzione della mortalita’ da cancro si pronuncino sul progetto che ritengono abbia maggiore potenzialita’ di ridurre la mortalita’ prematura da cancro confrontando il 3D-CBS, con l’Axial-PET o altri progetti, indicando chiaramente le motivazioni della loro scelta supportandole con solide argomentazioni scientifiche (Correggendo l’assegnazione del primo premio al progetto Axial-PET che ha un’efficienza inferiore rispetto alla PET attuale, non ha possibilita’ di ridurre la mortalita’ da cancro e, a detta del responsabile del progetto vincitore, addirittura non e’ un progetto di ricerca sul cancro, vedi video http://www.youtube.com/watch?v=h1AUpfN7cFU).

Indicazione Metodologica: Un metodo pratico per far emergere i progetti migliori per la ricerca contro il cancro rimanda innanzitutto all’onesta’ del ricercatore ed e’ descritto nel documento disponibile al sito web www.crosettofoundation.org/371.it.pdf intitolato “Progressi nella Fisica Applicata alle Scienze Biomediche in un Progetto per la Riduzione Sostanziale della Mortalità da Cancro: Necessità di un Cambiamento Paradigmatico nella Ricerca Oncologica.” sottoposto al CERN – Ginevra (Laboratorio Europeo per la Fisica delle Particelle) in occasione del Workshop del 2-4 Febbraio 2010 sulle applicazioni della fisica alla salute.

In tale documento si chiede che ciascun ricercatore che sottopone un progetto di ricerca sul cancro (e ciascun Decision Maker che pianifica un servizio relativo al cancro) fornisca una stima della percentuale di riduzione della mortalita’ prematura da cancro e di riduzione dei costi per ogni vita salvata (a titolo di esempio si allega la scheda di un ricercatore
www.crosettofoundation.org/uploads/353.it.pdf):

1. Ogni ricercatore che sottopone un progetto di ricerca sul cancro, deve spiegare in che modo la propria ricerca vada a beneficio dei malati e potenziali malati di cancro fornendo le seguenti informazioni:

1.1. Titolo della ricerca sul cancro: _________

1.2. Categoria

1.2.1. Categoria 1. ___ricerca fondamentale (con risultati a lungo termine in un tempo maggiore di 10 anni)

1.2.2. Categoria 2. ___applicazione immediata (con risultati su riduzione della mortalità da cancro e dei costi in un tempo inferiore a dieci anni)

1.3. Stima in % delle vite salvate annualmente da morte prematura (< 75 anni) da cancro ________%

1.4. Argomentazioni scientifiche a sostegno delle stime calcolate (fornire sito web o e-mail) ____

1.5. Costi per ogni vita salvata paragonati ai costi attuali ____

1.6. Costo totale del progetto di ricerca: Euro ____

1.7. Stima della data dei primi risultati a partire dall’erogazione dei fondi ____

1.8. Piano di misurazione dei risultati che indichi in che modo le stime possono essere verificate sperimentalmente ( Per esempio : un test sicuro su un campione rappresentativo di 10.000 persone dai 50 ai 75 anni, scelte fra la popolazione di una località che presenti un indice di mortalità costante di 50 morti all'anno registrato negli ultimi 20 anni), (fornire sito web o email) ______

2. Le proposte di ricerca devono essere separate in due elenchi: uno per la ricerca fondamentale ed un altro per applicazioni che forniscono risultati a breve termine.

3. Il CERN ha la responsabilità di organizzare incontri tra i ricercatori che sottopongono progetti di ricerca che si riuniranno in base alla propria categoria e risponderanno alle domande dei colleghi e dei revisori in una vera e propria “peer review” (revisione tra pari).

4. Richiedere alle organizzazioni di ricerca del cancro di conformarsi allo standard indicato al punto 1 per eliminare la possibilità di finanziare ricerche fraudolente.

I due elenchi ottenuti saranno resi pubblici ed utilizzati da organizzazioni, agenzie statali e donatori che hanno la responsabilità di valutare chi fornisce argomentazioni scientifiche più convincenti relative al raggiungimento della massima riduzione della mortalita’ prematura da cancro al minimo costo per ogni vita salvata per procedere all’assegnazione dei fondi relativi a due budget diversi per non penalizzare la ricerca a lungo termine. Ovviamente, i progetti di ricerca che non forniscono una stima in percentuale di vite salvate sono esclusi da tale assegnazione. Lo sono altresì quelli che non hanno presentato argomentazioni scientifiche a sostegno delle proprie rivendicazioni. I progetti che non conseguiranno i risultati promessi dopo due anni dagli accordi stabiliti, avranno i finanziamenti sospesi. Si deve assolutamente evitare che chi propone soluzioni senza ottenere risultati continui a ricevere fondi all’infinito.

IN QUESTO MODO, SOLO I PROGETTI DI RICERCA CHE HANNO REALI POTENZIALITA’ DI FORNIRE DEI RISULTATI VERRANNO FINANZIATI.

Inizia questa petizione in un'altra lingua facendo riferimento alla traduzione del documento presentato al CERN disponibile in diverse lingue al sito www.crosettofoundation.org/uploads/351.it.pdf

Per ulteriori informazioni:
www.insiemecontroilcancro.org
www.crosettofoundation.org

Sign this petition

[?]
Verify (check then click Sign) [?]

GoPetition respects your privacy.

Petition tags: , , , , ,